Alimenti e Proprietà

Broccolo: alla scoperta del cavolfiore romano

● Il broccolo romano è un ortaggio tipico della regione Lazio 
● Ricco di minerali e numerose proprietà antiossidanti, è un ottimo alleato della salute a tavola. 
● Dolce e delicato è preferibile gustarlo cotto in abbinamento a numerosi piatti. 
● Forma, colore e gusto conquistano tutti da subito. Anche i matematici!

Broccolo romanesco o cavolfiore romano?

Geometrie perfette, colori brillanti e un gusto delicato inconfondibile. Parliamo dell’ortaggio dall’estetica così affascinante e complessa da rappresentare addirittura un problema matematico: il broccolo romanesco, altresì detto cavolfiore romano. 
Il broccolo romanesco è una varietà di cavolo broccolo (Brassica oleracea) e, come tutti i broccoli, appartiene alla famiglia delle Brassicaceae, anche nota come Cruciferae. Ne fanno parte anche cavolfiori, cavolo nero, cavolo verde e  cavolo verza. Verdi brillanti, viola acceso, bianche ma anche arancioni: le crucifere sono belle da vedere ma anche buone da mangiare. Tipici della stagione autunnale e invernale, questi ortaggi sono il regalo che i mesi freddi donano alle nostre tavole: non a caso, si tratta di verdure dal forte potere appagante, povere di calorie ma ricche di proprietà salutari. Con una particolarità: i broccoli, rientrano nel gruppo di piante di cui non vengono mangiate le foglie bensì le infiorescenze non ancora mature.

Un po’ di storia (ma anche di geografia e matematica)

Il broccolo ha origini lontane, nel tempo e a livello geografico: infatti, arriva dall'Asia minore ed è conosciuto fin dall’antichità. Il nome? Deriva da brocco, ovvero germoglio
Il broccolo romanesco può essere chiamato anche broccolo romano, cavolfiore romano o cavolo romanesco. In effetti, è una delle tante varietà di cavolo broccolo presenti in Italia, di cui si mangiano solo le infiorescenze non ancora mature e non le foglie. Il cavolo romanesco è diffuso e consumato nelle campagne romane da secoli. Somiglia nella forma a un cavolfiore. Ciò che cambia sono il colore e la struttura: infatti è verde chiaro e piramidale costituito da piccole rosette che si ripetono con regolarità diventando sempre più piccole. In matematica potremmo dire che broccolo romano è un frattale, cioè un oggetto dotato di omotetia interna: la sua forma globale, cioè, si ripete ugualmente con diverse dimensioni.

Il broccolo romanesco e la successione di Fibonacci

Può un ortaggio rappresentare in sé un problema matematico tanto avvincente e, in fondo, irrisolto? Sì, se ci troviamo di fronte al cavolfiore romano. Come spiegato, la forma di questo ortaggio è estremamente curiosa: ogni singola rosetta (piccola cima) del broccolo romanesco ha la forma di un piccolo broccolo. Ciò che è ancora più sorprendente è che il numero di rosette che compongono il broccolo romanesco è sempre un numero di Fibonacci. Una cifra che fa parte della successione del matematico in cui ciascun numero è la somma dei due precedenti: 0, 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89 ecc.. 
Perché? La rappresentazione grafica di questa successione è una spirale riscontrabile anche in altri esempi naturali come le conchiglie. Dal centro del broccolo romanesco partono tante spirali attorno alle quali sorgono le piccole cime. Nessuno ha ancora mai capito il motivo per cui la natura segua questa disposizione: probabilmente per massimizzare l'esposizione ai raggi solari, ma nulla è ancora certo. Meraviglioso, vero?

Ricco di virtù e di proprietà nutritive

Oltre che bellissimo e buono, questo ortaggio così speciale possiede incredibili proprietà nutritive. Il cavolfiore romanesco ha un potere antiossidante che aiuta a rafforzare le difese immunitarie e combattere la ritenzione idrica. 
Oltre gli utilizzi culinari tradizionali, il succo di broccolo romanesco veniva utilizzato già dai Romani per vari usi terapeutici: antianemico, emolliente, diuretico, cicatrizzante, depurativo, vermifugo ed antistaminico. Insomma, un vero superfood: come confermato numerosi studi, il broccolo può aiutare ad invecchiare meglio: infatti è grazie al sulforafano, sostanza contenuta nei broccoli, che vengono inibiti i geni responsabili dell’invecchiamento delle cellule.

Broccolo romano: coltivazione, ricette e modi di cottura

Oltre al fascino dei numeri, il broccolo romanesco ha anche un sapore delicato che lo rende adatto a numerose ricette. Inoltre, è povero di calorie per cui va bene per tutte le diete specialmente quelle ipocaloriche. 
Come detto, del broccolo romano si consuma l’infiorescenza, che per essere di buona qualità dovrebbe rimanere chiusa. Per pulirlo basta eliminare le foglie e staccare le cimette dal torsolo e poi lavarlo accuratamente sotto acqua. Per evitare tutti questi passaggi puoi fare una scorta in freezer di Cavolfiore Romanesco Orogel: gustose rosette già pulite e tagliate pronte in padella o al microonde in 7/8 minuti.

Cavolfiore romano: in padella, ma non solo

Seguendo la tradizione romana può essere consumato crudo “all'agro”, condito a freddo con olio e limone oppure “ripassato” in padella con olio, aglio e peperoncino. 
Le ricette con il cavolfiore romano sono, però, tantissime. Del resto, si tratta di un ortaggio molto versatile, dal gusto dolce e delicato. È il perfetto protagonista di molti primi piatti, come:

● la pasta con broccolo romano; 
● zuppe miste, minestroni, vellutate e passati di verdura.

In alternativa, può essere valido contorno: il cavolfiore romano in padella si presta benissimo ad accompagnare carne e pesce, ma anche gratinato è davvero sorprendente. Il broccolo romanesco gratinato è uno di quei contorni facile ma scenografici che fanno fare una bellissima figura a tavola. Pochi e semplici ingredienti fanno di questo piatto il contorno ideale per chi ha poco tempo e vuole mangiare qualcosa di gustoso e sano. 
Per ricette gustose da fare tutti i giorni con il cavolfiore romanesco puoi provare Crea Tu Mix di Broccoli, Cavolfiore e Cavolfiore Romanesco per ricette che vanno dall’antipasto ai secondi come ad esempio le Orecchiette con vongole, pomodori secchi e Crea Tu Mix di Broccoli, Cavolfiore e Cavolfiore Romanesco o abbinarlo a una veloce frittata con speck. Questo ortaggio è davvero un dono della natura, ricco di proprietà e benefici per il nostro organismo. Mettiti alla prova e sperimenta ricette adatte a tutta la famiglia.

Scarica qui La Meraviglia del Freddo per saperne di più ?

 

Condividi


Orogel Società Cooperativa Agricola

Sede Legale Via Dismano, 2830 47522 Cesena (FC) - Italy

Numero Verde 800 286660

P.I. 00800010407

Contatti